A A A A
09/23/2018, 18:53, Vienna  DEUTSCH / ENGLISH




Keep me logged in



Leading articles


THE VIENNA PSYCHOANALYST wants to give not only already internationally established psychoanalysts, but also still unknown psychoanalysts the opportunity to post a self-written and not yet published article on the FrontPage of our online magazine!

Our Users then can leave comments, ask questions or discuss the articles in our forum. Our aim is to provide an international platform where for the first time anyone interested in psychoanalysis can exchange ideas on certain topics.
Articles are welcome in German and/ or English.

If you are interested, please send your article to
leadingarticle@theviennapsychoanalyst.at


(For reasons of readability, the male form is used with personal names, however the female form is also always intended.)

(04/18/2018)

From the dissolution of the oedipal complex to the development of several attachment styles.

"With the failure of the Oedipal complex the investment on the maternal object must be abandoned" (S. Freud, The Ego and Es)

There is an anecdote in the life of Sigmund Freud that tells the origin of the Oedipus complex; it is said, in fact, that when he was little, his father Jacob told him that at the age of ten, a stranger turned to him exclaiming “Down from the sidewalk, Jew!”. Then, Sigmund asked his father Jacob how he reacted he replied, “...


Lo sviluppo della libido
Dalla dissoluzione del complesso edipico allo sviluppo di diversi stili di attaccamento.

"Con lo sfacelo del complesso edipico deve essere abbandonato l’investimento oggettuale materno" (S. Freud, L’Io e l’Es)

Esiste un aneddoto nella vita del Maestro che racconta l’origine del complesso edipico; si narra, infatti, che quando era piccolo il padre Jacob gli raccontò che all’età di dieci anni un uomo si rivolse a lui esclamando “Giù dal marciapiede ebreo!”, allora Sigmund chiese al padre come avesse reagito e Jacob rispose “...
>> continue


(11/08/2017)

Understanding without words

Connections. “We cannot not communicate,” said Watzlawick. We communicate with our eyes, gestures, hands and breathing. Through the body we give words a physical form facilitating the transition from the unconscious to the conscious.

SENZANOME: SEI DOTTOR JEKYLL E/O MR. HYDE?
Processi di dispercezione della comunicazione nei social

“Ci capiamo senza parlare”

Connessioni. Non si può non comunicare diceva Watzlawick. Comunichiamo con gli occhi, con i gesti, con le mani, con i respiri. Attraverso il corpo diamo parole a configurazioni psichiche agevolando il passaggio dall’inconscio al conscio. >> continue


(08/02/2017)

Half time, time to make it through
consider the change
take it from a different view
Half time (Amy Winehouse)

Loosing your memory is in part like losing yourself but also living through others

What remains in your memory after a brain trauma? Only what can remain: the mnemic elements that succeed to remain intact are the ones that are probably associated to our emotions. The “strongest memories”, those are the ones that remain, unconscious remains …



7 Tesla: il mio cervello si è addormentato per due giorni e mezzo
Un caso di displasia cerebrale
psicoanalisi e neuroscienze

Half time, time to make it through
consider the change
take it from a different view
Half time (Amy Winehouse)

Perdere la memoria, in parte perdere se stessi ma vivere attraverso gli altri

Cosa resta in memoria dopo un trauma cerebrale? Resta ciò che può restare: il materiale mnestico che riesce a mantenersi integro, quello che probabilmente è legato all’emotività. I ricordi “più forti”, quelli che “ce la fanno”, residui inconscio … >> continue


Is Sigmund Freud´s couch really in London?

Author: Désirée Prosquill (TVP)

(07/26/2017)

In the past few weeks, a promising story kept our editorial staff on the edge of their seats!

On a fine spring morning, I was invited out for a cup of coffee by a dear friend of mine at her new house in one of Vienna’s posher districts. At the time, I had no idea that my mind would be occupied with something fascinating in the coming weeks. My acquaintance led me through her new home and pointed to a place in the living area. She told me that this was the place were Freud’s couch used to stand, which had belonged to the previous house owner. Indeed?! I was surprised and wondered what she meant by that, and when that was supposed to have taken place. Completely unaffected by my reaction, she added, "Well, two years ago." My acquaintance is not psychoanalytically inclined and merely knows that I work in the field, which is presumably the reason why she told me about it en passant. It took me a while to process this information, before confiding the story to a trusted expert. Could it be possible that Freud’s Couch did not make it to London? Perhaps only the carpet? Our editorial staff picked up the trail - so what exactly had been in this house up until two years ago? We were determined to get to the bottom of this mystery.



Il divano di Sigmund Freud è veramente a Londra?

Le ultime settimane erano davvero eccitante per la nostra redazione!

Durante una bella mattina di primavera, sono stata invitata per una tazza di caffè nella nuova casa di una amica in uno dei quartieri più belli di Vienna. A quel momento non sospettavo che alla fine di questa visita la mia mente sarebbe talmente occupata nelle prossime settimane. La mia conoscente mi ha guidato attraverso la sua nuova casa e indicò su un posto nel soggiorno. Mi racconto che questo è il luogo dove si trovava il divano di Freud, che era in possesso del precedente proprietario della casa. Davvero?! Ero sorpresa e le chiese che cosa volesse dire, e quando tutto questo era occorso. Completamente ignorando la mia reazione, ha aggiunto: "Beh, due anni fa." La mia amica non ha niente a che fare con psicoanalisi e sapeva solo che io lavoro con essa. Questo è probabilmente il motivo per cui me lo ha raccontato cosi casualmente. Mi c´è voluto un po’ di tempo per digerire queste informazioni, e poi ho confidato la storia a un esperto di fiducia. Potrebbe essere possibile che il divano di Freud non era arrivato fino a Londra? Forse solo il tappeto? La nostra redazione seguì queste tracce. Cosa c’era in questa casa due anni fa? Volevamo andare a fondo di questo mistero. >> continue


(04/26/2017)

“I don’t know what you done but I can’t get enough
‘Cause you give me that rush, I don’t want it to stop…”


Tattoos. Do we choose to sign our body with something that can represent our personality, or do we simply choose to embellish our body?

In any case we want that it lasts forever. Symbols that are the results of our loose associations. We freely link a thought or an emotion to a graphic representation or to a memory, and what comes up is a thought that reflects us, a thought that has something to do with Us, with those parts of us we do not want to give up: our authentic and real self. A part of our identity. The false self has nothing to do with tattoos. the sincerest form of our ego as “something that we decide” leaves our mind and turns into reality: you can see it, you can touch it. It’s you. The experience with tattoos is not always a pleasant one. This is because maybe there was a time lag between the irrepressible desire and going through with the plan. 


Tu sei quello che gli altri non vedono: dentro la pelle
Al confine tra psiche e soma

“I don’t know what you done but I can’t get enough
‘Cause you give me that rush, I don’t want it to stop…”

I tatuaggi. Segni che portiamo sulla pelle per sempre. Scegliamo di segnare su di noi qualcosa che ci rappresenti profondamente, oppure scegliamo semplicemente di abbellire il nostro corpo? In ogni caso, scegliamo che sia per sempre. Simboli … Frutto delle nostre libere associazioni. Associamo liberamente un pensiero o un’emozione ad una rappresentazione grafica, un ricordo e quello che ne viene fuori è un pensiero che ci rispecchia, che ha a che fare con Noi, con la nostra personalità, con quelle parti di noi a cui non vogliamo rinunciare: il nostro Sé più vero, autentico. Una fetta della nostra identità. Con i tatuaggi il Falso Sè c’entra davvero poco, forse proprio per nulla. Il nostro Io più intimo sottoforma di “qualcosa che siamo noi a stabilire” esce fuori dalla mente e si trasforma in realtà: lo vedi, lo tocchi. Sei tu. Non sempre, però, l’esperienza con i tatuaggi può essere piacevole, perché magari è passato del tempo tra il desiderio e la voglia irrefrenabile di farlo e il farlo sul serio. >> continue


(02/22/2017)

“Come with me”
“Let’s go with the princess”
“Yes, I am a princess”

Landing is not the last effort they have to deal with. It is only one of the many obstacles they have to overcome in order to achieve freedom, their freedom. That freedom, strived for youth, made of freely living without any problems. “I’m an adolescent, I don’t know what´s happening to me. My body, my thoughts, everything is changing. Although changes and war, I must survive!” They are escaping: from war, hunger, thirst, violence, abuses, wiped out hopes and the forthcoming death. They abandon their family and friends. They are no longer safe. Their beautiful cities have been destroyed, overpowered by hate. That kind of hate, that lasts over time and does not make room. No room for anything, not even for corpses. “I could be one of those corpses, it’s better to run away!”. Once arrived, some are disoriented; their eyes are full of terror. That terror, which has infested their minds and hearts during these months lasting trip. Their eyes are lifeless because of physical and mental tortures inflicted both overboard and on land. Others arrive with the dream to rejoin a relative or a friend, which “made it through Europe!”. Sicily, we are almost there! Yes, I saw them. I had the honor to watch and go along with them during their last strain: the post-landing inspections. While they were arriving into the harbor of my city, I remembered all the newscast scenes and I can state that they are as we see them on television.



Trauma senza fine: giovani migranti in “fuga” dalla realtà
“Andiamo con la principessa”

“Venite con me”

“Andiamo con la principessa”
“Si, sono una principessa”
 
Lo sbarco non è l’ultima fatica che devono affrontare, è soltanto uno dei tanti ostacoli che devono superare per raggiungere la libertà, la loro libertà, quella a cui tutti i ragazzi aspirano, quella del vivere liberi dai problemi e godersi la vita: “Perché sono un adolescente, perché non so cosa mi sta succedendo, qui cambia tutto, il mio corpo cambia, cambiano i miei pensieri. Ma c’è la guerra, devo sopravvivere, intanto continuo a cambiare, ma devo sopravvivere!”. Scappano, scappano dalla fame, dalla sete, dalle violenze, dai maltrattamenti, dagli abusi, dalla morte dietro l’angolo, dalle speranze distrutte, dagli affetti, dagli amici, non sono più al sicuro. Le loro bellissime città sono distrutte, annientate dall’odio, quello che persiste nel tempo e non lascia spazio, non c’è spazio per nessuno, non c’è più spazio nemmeno per i cadaveri.  “Tra i cadaveri potrei esserci io, allora, Sì scappiamo!”. Arrivano disorientati, alcuni hanno gli occhi spenti dal terrore, quello che ha pervaso le loro menti e il loro cuore durante i mesi di viaggio, occhi spenti dalle torture fisiche e psicologiche subite in mare e in terra. Altri, arrivano con gli occhi sognanti, sognano di poter raggiungere un parente o un amico che “ce l’ha fatta”, è riuscito ad arrivare in Europa. Sicilia, ci siamo quasi! Si, io li ho visti, ho avuto l’onore di guardarli, di accompagnarli pochi minuti durante l’ennesima fatica, i controlli post-sbarco. Mentre li vedevo arrivare, scesi, dal gommone che dalla nave che li conduce dentro i confini del porto della mia città, ricordavo le scene che che mandano in tv, sì sono come li vediamo in tv. >> continue



Sigmund Freud Museum SFU Belvedere 21er haus stuhleck kunsthalle
warda network orange